Tutti i numeri degli immigrati.

30 03 2011

Il problema immigrazione, sempre sentito, non riceveva però da tempo un imput per entrare nei media e -quindi- nei discorsi quotidiani delle persone come quello avuto con la crisi nordafricana.

La questione umana è controversa; i clandestini tolgono risorse agli italiani, è vero. (In parte) Gli stessi clandestini però svolgono tutti quei lavori che gli italiani non fanno, i più umili, anche questo è vero. Rubano e commettono reati, è vero, com’è vero che non rubano e non commettono reati, visto che ognuno di loro è persona a sè. E così per molte altre questioni; la verità però è che non possiamo dare una risposta a questo tema senza un dibattito approfondito.

Questo non ci impedirà però di darvi, presi da archivi del Corriere della Sera di inizio anno (Quindi pre-crisi) i numeri dell’immigrazione in Italia, per tracciare un quadro. Quadro che possiamo definire “normale” perchè precedente allo squilibrio di questi ultimi tempi, ma che delinea un fenomeno che normale non dovrebbe assolutamente esserlo.

Ad avere la residenza in Italia sono circa 4.200.000 stranieri, una somma impressionante -circa il 7% della popolazione- se consideriamo poi che sono tutti “giovani” e prevalentemente maschi. (L’età media in Italia è di 42,6 anni.) Un potenziale, in termini di forza lavoro, immenso.

I permessi di soggiorno invece sono la metà, circa 2.063.127, rifacendo le stesse considerazioni di prima però, anche questa cifra acquista un’importanza davvero notevole.

Arriva però -arriva sempre- il momento della nota dolente; gli occupati, e cioè quelli con un lavoro, sono 1.898.000. Pochi? Eh, sì. Ovviamente dobbiamo supporre un fenomeno di lavoro “in nero” che, per colpa italianissima il più delle volte, lascia legalmente disoccupate persone che sono realmente impegnate a spaccarsi la schiena tutti i giorni. Ma non è detto che basti a “coprire” quel numero più grande, là sopra.

I paesi più presenti?

Per numero di residenti:

Romania (887.763)
Albania (466.684)
Marocco (431.529)

Classificandoli per la crescita percentuale negli ultimi cinque anni invece la situazione si ribalta. (Quasi.)

Romania (+256,7%)
Moldavia; nona nella classifica sopra (+178,1%)
Polonia; ottava nella classifica sopra (+107,9%)

Questi sono i numeri, le conclusioni, le idee, sono tutte nella vostra testa.  E se vorrete discuterne con noi, vi aspettiamo.

PS: La zona col maggior numero di nati con almeno un genitore straniero è il Nord Ovest (35.576) mentre, escludendo le isole (3.389) quella col minore è il Sud. (7.791) Tanto per i leghisti sono stranieri comunque.


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: